Con molto ottimismo, l’estate scorsa mi avventurai, a stento protetto dall’aria condizionata dell’auto, attorno a Pisa. Fui premiato da questa scena che mi affrettai a divorare con la mia Mamiya C220.