Parigi a 800 ASA

Bronica SQ-A, Zenzanon 80mm f/2.8 PS, Provia 400X pushed to 800

Bronica SQ-A, Zenzanon 80mm f/2.8 PS, Provia 400X pushed to 800

La fotografia con dispositivi di acquisizione d’immagine digitale ha, senza dubbio, fatto passi da gigante, in particolare per la qualità ottenibile con poca luce. L’entusiasmo per i risultati raggiungibili è giustificato.

Bronica SQ-A, Zenzanon 80/2.8, Provia 400X to 800

Tuttavia spesso ascolto o leggo commenti stupidi, del tipo “risultati del genere non sono nemmeno paragonabili con quelli a pellicola di molti anni fa”. La stupidità consiste nel fare il confronto con epoche diverse. A quanto pare ci sono fotografi che han dimenticato che, assieme al progresso digitale, c’è stato anche quello chimico delle emulsioni fotografiche.
Sono tornato da un breve viaggio in Europa dove ho usato una Bronica SQ-A caricata con, tra l’altro, una Fujichrome Provia 400X che ho fatto “tirare” da Peak Imaging a Sheffield fino a 800 ASA.

Bronica SQ-A, Zenzanon PS 80mm f/2.8, Fujichrome Provia 400X pushed to 800 This "patisserie" in Rue de Faubourg Poissonière displays a long list of food as well as several terms that can be defined as "neologisms" in such as they do not belong to any language, as "sandwicherie" and "viennoiserie". It is situated near the "Gare du Nord" and as such not in one of the most pictoresque areas (arrondissement) of Paris.

Bronica SQ-A, Zenzanon PS 80mm f/2.8, Fujichrome Provia 400X pushed to 800
This “patisserie” in Rue de Faubourg Poissonière displays a long list of food as well as several terms that can be defined as “neologisms” in such as they do not belong to any language, as “sandwicherie” and “viennoiserie”. It is situated near the “Gare du Nord” and as such not in one of the most pictoresque areas (arrondissement) of Paris.

I risultati di questa attrezzatura, per fotografare di sera, sono fantastici, per una serie di motivi concatenati:

Dettaglio da “Neologisms at the partisserie, Paris”

  • l’altissima qualità della Provia, emulsione moderna;
  • il formato “medio” della pellicola che permette ingrandimenti ridotti contemporanei a grandi immagini finali;
  • l’altissima qualità dello Zenzanon PS 80/2.8;
  • la caratteristica, generale delle pellicole, di rispondere molto bene a sorgenti di luce intense come neon e insegne luminose;
  • di nuovo il formato medio che permette di non ingrandire a dismisura l’immagine e quindi di lavorare con aberrazioni cromatiche invisibili;
  • di nuovo, il medio formato permette, a pari ingrandimento finale, di non mostrare troppo gli effetti di una mano che trema.
Posted in Bronica, Cameras, Film photography, Paris, Short photo essays Tagged with: , , , , , ,